Livigno

apri mappa

Geografia

Tipica baita livignasca

Livigno è una località della Valtellina. Il paese si snoda lungo la strada che percorre per oltre 15 km l'intera valle attraversata dal torrente Spöl (anticamente denominato Aqua Granda) che convoglia le proprie acque verso l'Eno (Inn) e da questo al Danubio. Livigno è quindi uno dei comuni italiani non appartenenti a bacini idrografici italiani. Per questa peculiare situazione nel territorio nazionale, di un affluente al bacino del Danubio, l'Italia, in base alla convenzione di Belgrado del 1948, ha il diritto di partecipare alle conferenze internazionali sulla navigazione del Danubio e le imbarcazioni italiane non pagano i diritti di navigazione sino al Mar Nero compreso. Lo Spöl scorre per metà del suo tratto iniziale nella Val di Livigno e per l'altra metà scorre nell'Engadina, in Svizzera. Il pericoloso passaggio dello Spöl in un vallone strettissimo, ripido e scosceso tra le due parti, il corso superiore e l'inferiore, storicamente è stato accesso di fondo valle per Livigno di difficilissima percorrenza, spiega il relativo isolamento che la Val di Livigno ha subìto in passato. Gli altri due accessi sono valichi montani ad alta quota.

Nel suo territorio è compresa la frazione di Trepalle, che si sviluppa fino a 2250 metri s.l.m. Tale quota ne fa l'abitato permanente più alto d'Europa, nonché una tra le più fredde località italiane. Il clima di Livigno è di tipo nettamente alpino, con inverni lunghi e rigidi ed estati brevi e fresche. Durante le ondate di freddo più intenso il termometro può precipitare fino ai -28°, durante le giornate estive più calde la temperatura non supera i +23°/+24°. Il record storico di freddo è di -46°

il record storico di caldo è di +29°. Per approfondire vedi Stazione meteorologica di Livigno.[senza fonte]

È raggiungibile dal resto del territorio nazionale dalla Valtellina attraverso il Passo del Foscagno, (mantenuto di norma aperto tutto l'anno), percorrendo la Strada Statale 301 del Foscagno; oppure dalla Svizzera tramite la Forcola di Livigno passando per la Valle di Poschiavo (transitabile solo in estate). L'accesso di fondo valle è possibile attraverso il tunnel stradale Munt La Schera, dall'Engadina. Il tunnel di circa 3,5 km di lunghezza è a corsia unica (senso unico alternato), a pagamento di pedaggio. Il tunnel collega la parte bassa ed alta dello Spöl evitando il tratto impraticabile del torrente.

Feste

Ghibinét

Il termine Ghibinét (probabilmente dal tedesco Gabe Nacht) designa l'epifania livignasca e dell'alta Valtellina. I bambini entrano nelle case dicendo: "Bondì, ghibinét!" e le persone contraccambiano con dolciumi e/o piccoli doni.

Carnàl

Il carnevale livignasco segue la tradizione occidentale, per cui è animato da carri allegorici, maschere e giochi popolari, quali il palo della cuccagna e competizioni agonistiche; peculiarità del carnàl da livìgn è la presenza dei sonét, che nonostante il termine non hanno a che fare col sonetto, ma che si trattano di componimenti in versi di stampo satirico.

Palio delle contrade

Fésc'ta dal Fén

Fonte: Wikipedia

Ti potrebbe interessare