Ancona

apri mappa
  • Ancona Mole Vanvitelliana
  • Portonovo-Ancona
  • 16AnconaSCiriaco
  • Faroancona
  • AnconaII
  • 18AnconaSCiriaco
  • Stadio Conero-Ancona
  • Porto ancona
  • Ancona z08
  • 05AnconaSDomenico
  • Municipio-Ancona
  • Porta Santo Stefano-Ancona
  • Palaindoor-Ancona
  • 25AnconaAnziani
  • Ancona-porto01
  • Palarossini e Conero
  • Ancona01
  • 29AnconaTraiano
  • AnconaIV
  • Palazzo provincia Ancona
  • 31AnconaTraiano
  • 26AnconaAnziani
  • AnconaV
  • Stazione Ancona
  • Port of Ancona
  • 12AnconaAnziani
  • 28AnconaTraiano
  • Ancona da Posatora
  • Ancona z04
  • Palarossini-Ancona
  • Lazzaretto-Ancona
  • Omero-Ancona
  • Ospedale vecchio (AN)
  • Piazza del Papa
  • San Ciriaco-Ancona
  • Ancona da Guasco
  • Ancona il Conero
  • Ancona tramonto sul mare
  • Ancona palace of seniors
  • AnkonPanorama
  • Le tredici cannelle
  • 14ChiesaSsPellegrinoTeresa
  • Ancona arco di Porta Pia
  • 04AnconaPlebiscito
  • Sperimentale-Ancona
  • Ancona-palarossini01
  • Ancona arch of Traiano and Clementino
  • Marche-Ancona 3
  • Favorita-Ancona
  • Ferretti-Ancona (modificato)
  • Cerchio grano-Ancona
  • Marche-Ancona 1
  • ParcoCardeto
  • Ancona statua di Traiano
  • Ospedale nuovo (AN)
  • Ancona-Loggia 1
  • ParcoCardeto2
Vedi anche
Pesaro
Macerata
Fano
Urbino
Camerano
Falconara Marittima
Ancona è un comune italiano di 102.997 abitanti, capoluogo della provincia omonima e delle Marche. Affacciata sul mare Adriatico, possiede uno dei maggiori porti italiani. Città d'arte con un centro storico ricco di monumenti e con una storia millenaria, è uno dei principali centri economici della regione, oltre che suo principale centro urbano per dimensioni e popolazione. Protesa verso il mare, la città sorge su un promontorio a forma di gomito piegato, che protegge il più ampio porto naturale dell'Adriatico centrale. I Greci di Siracusa, che fondarono la città nel 387 a.C. , notarono la forma di questo promontorio e per questo motivo chiamarono la nuova città Αγκών, "ankon", che in greco significa gomito. L'origine greca di Ancona è ricordata dall'epiteto con la quale è conosciuta: la "città dorica".

Storia dell'Arte

Arte Antica

L'arte picena e quella greca sono testimoniate dai reperti, anche di eccezionale qualità, ritrovati nelle antiche necropoli ed esposti al museo archeologico e al museo della città. L'arte greca ha un interessante esempio nei resti del tempio dorico dedicato ad Afrodite, visibili sotto il Duomo, oltre ad un lacerto murario a blocchi regolari nei pressi del lungomare Vanvitelli.

L'arte romana è ben rappresentata dall'Arco di Traiano, di proporzioni slanciate, su un molo anch'esso di epoca traianea. L'anfiteatro, il cui scavo non è ancora completato, è comunque notevole per la porta pompae, detta Arco Bonarelli, e per l'annessa palestra gladiatoria. Il busto dell'imperatore Augusto in veste di pontefice massimo, ritrovato nell'area dell'antico foro, è di pregevole fattura.

Arte medievale

L'arte paleocristiana e bizantina trova testimonianza soprattutto nella pianta del Duomo a croce greca, nella basilica inferiore di Santa Maria della Piazza, nei sarcofagi del museo diocesano.

Ad Ancona l'arte ebbe un notevole sviluppo durante i secoli della Repubblica marinara. Per ciò che riguarda l'architettura romanica si ricorda soprattutto il grande cantiere della cattedrale di San Ciriaco, una delle più importanti chiese romaniche d'Italia che sorge sulle fondamenta di un tempio pagano dedicato a Venere, pregevole anche per le sculture dell'interno e del portale, tra cui i leoni stilofori, tra i simboli della città e per la cupola orientaleggiante. Chiese note a livello nazionale sono anche Santa Maria della Piazza, costruzione romanica (con le interessantissime sculture della facciata e un pregevole portale in stile gotico) e la chiesa di Santa Maria di Portonovo. L'architettura gotica è rappresentata dal Palazzo degli Anziani al quale lavorò Margaritone d'Arezzo. Giorgio Orsini da Sebenico fu artista di transizione tra Gotico e Rinascimento e lasciò in città le facciate della Loggia dei Mercanti, di San Francesco alle Scale e di Sant'Agostino, ricche di sue sculture.

Rinascimento e Manierismo

Per l'architettura rinascimentale va segnalato il Palazzo del Governo, alla cui realizzazione partecipò anche Francesco di Giorgio Martini. Da ricordare anche la Cittadella, uno dei più interessanti esempi europei di fortificazione alla moderna, opera di Antonio da Sangallo il Giovane. La scultura del Quattrocento è ben rappresentata da Giovanni Dalmata. Una scuola di pittura era attiva in città tra Trecento e Quattrocento, e Olivuccio di Ciccarello ne era il maestro. Il pieno Quattrocento in pittura è segnato dall'anconitano Nicola di Mastro Antonio. Pittori rinascimentali di altre regioni che lavorarono ad Ancona furono Piero della Francesca, Carlo Crivelli, Melozzo da Forlì e Lorenzo Lotto, mentre Tiziano inviò in città due grandi pale d'altare. Nel periodo manierista si distinguono i nomi di Pellegrino Tibaldi e dell'anconitano Andrea Lilli, che lavorò molto in tutta Italia.

Il Lazzaretto, isola pentagonale all'interno del porto

Barocco e Neoclassicismo

L'arte del XVIII secolo è contraddistinta dall'importante figura di Luigi Vanvitelli. Come ricordato nel paragrafo dedicato alla storia, egli progettò il nuovo Lazzaretto su di un'isola artificiale di forma pentagonale. Inoltre prolungò il molo realizzato secoli prima dall'imperatore Traiano e vi edificò l'Arco Clementino. Queste opere, al di là dei pregevoli aspetti formali anticipanti il neoclassicismo, sono notevoli per il perfetto inserimento nell'ambiente naturale e per gli aspetti tecnici e costruttivi. In città il Vanvitelli realizzò anche la chiesa del Gesù, con la facciata concava che domina il porto dall'alto, seguendone la naturale curvatura. Dopo l'istituzione del porto franco e la ripresa dei traffici, in città ci fu un periodo di fioritura artistica, testimoniato ancora dalle chiese del Santissimo Sacramento di Francesco Maria Ciaraffoni (con le statue di Gioacchino Varlè) e di San Domenico (di Carlo Marchionni), dai tanti palazzi nobiliari affrescati e rinnovati nelle facciate, da Porta Pia (il nuovo ingresso monumentale della città), dalle statue dei continenti all'interno della Loggia dei Mercanti, segno delle nuove correnti di traffico marittimo.

Testimonianze del periodo napoleonico sono soprattutto alcune fortificazioni: la Lunetta di Santo Stefano, Forte Cardeto e il fortino di Portonovo.

Ottocento e Novecento

Nell'Ottocento spicca la figura del pittore Francesco Podesti, che tra accademismo, pittura storica e romanticismo raggiunse la fama internazionale. Fu uno dei ultimi grandi maestri dell'affresco, e con tale tecnica dipinse in Vaticano la sala dell'Immacolata Concezione. Uno dei suoi capolavori, il Giuramento degli Anconitani, è uno dei simboli della città ed è esposto nella sala consiliare del Comune. Il Teatro delle Muse di Pietro Ghinelli ben rappresenta l'architettura neoclassica del primo Ottocento.

Nel periodo post-unitario la città si ingrandì e si rinnovò completamente; interessante dal punto di vista artistico ed urbanistico è tutta la zona della spina dei Corsi, ma sono notevoli anche le tante fortificazioni risalenti al periodo in cui la città era piazzaforte di prima classe.

Durante il ventennio fascista si aprì il Viale della Vittoria e si completò Corso Stamira. Su questo itinerario, ricco di edifici eclettici e in stile Novecento, ma anche di esempi di tardo liberty, Guido Cirilli realizzò il Palazzo delle Poste e il Monumento ai caduti; Amos Luchetti Gentiloni progettò il Palazzo del Popolo (dal dopoguerra sede del municipio) e Pio Pullini ne decorò l'interno con i suoi dipinti; Eusebio Petetti progettò invece il Palazzo del Mutilato.

La seconda guerra mondiale, con i suoi bombardamenti fece sparire importanti testimonianze artistiche della città. Tra queste la chiesa romanica di S. Pietro, la chiesa gotica della Misericordia, la chiesa seicentesca di S. Primiano, la chiesa greca di Sant'Anna in origine intitolata a Santa Maria in Porta Cipriana, edificata nel XIII secolo sulle fondamenta delle antiche mura greche di Ancona, poco prima dell'ampliamento delle nuove mura delle città nel 1221. Si conservano dell'originario arredo alcune icone tardo-bizantine dell'iconostasi, custodite nel museo diocesano della città.

L'arte dei nostri giorni

L'arte contemporanea si distingue per il monumento alla Resistenza con la scultura di Pericle Fazzini, la scultura di Valeriano Trubbiani "Mater amabilis", detta popolarmente "i Rinoceronti", situata in piazza Pertini, per la statua a Pinocchio di Vittorio Morelli, che sorge nell'omonimo quartiere ed è molto amata dai cittadini. Inoltre si segnala il bel cavallo di Aligi Sassu in corso Stamira. Per ciò che riguarda l'architettura è notevole la nuova sede della Regione, di Vittorio Gregotti. Dal punto di vista urbanistico si ricordano le realizzazioni, assai criticate, della "stecca" di unità abitative in Via Scosciacavalli (arch. Sergio Lenci), di Piazza Pertini e dei "toroidi" di Piazza Ugo Bassi, importante snodo del trasporto pubblico urbano.

Vedi tutto

Contorni

Un contorno davvero tipico di Ancona è costituito dai paccasassi (finocchi marini), un'erba succulenta che, come dice il nome, vive nelle spaccature degli scogli marini. I paccasassi sono adatti ad accompagnare il pesce, ma anche per arricchire la pasta all'aglio e olio e, uniti a pezzetti di pecorino fresco, per preparare la pizza dorica. La raccolta dei paccasassi spontanei è proibita, ma basta raccogliere e mettere i semi in terra per ottenere delle piante da "tosare" ogni tanto. Un altro contorno caratteristico è l'insalata di mistiganza, preparata cioè con erbe di campo miste tra cui caccialepri (grattalingua), grugnetti (cicoria selvatica), pimpinella e rùgola (rucola). Molto usata è anche la cucina, un insieme di erbe di campo straginate, cioè lessate e poi passate in padella con aglio, olio, olive nere e una patata lessa. Tra le specie che entrano a far parte della cucina, si ricordano i grispigni (grespini) e le pappòle (papaveri non ancora andati in cima). In primavera nei mercati rionali si trovano i pincigarelli, cioè i fiori di cardo selvatico, deliziosi se cotti in padella con le patate.

Vedi tutto

Pa' cu l'oio e crescia

La semplicità e la genuinità della cucina anconitana si esprime in una pietanza molto nota nella regione, il cosiddetto pà cu l'ojo (pane con l'olio), una semplice bruschetta che la popolazione locale mangia nei diversi orari della giornata. Vi è anche una versione estiva e più "povera" fatta con il pane raffermo bagnato con dell'acqua ed uno spruzzo di aceto, insaporito oltre che con l'olio anche con maggiorana fresca, pepe e sale. L'uso anconitano di cibarsi di questa semplice vivanda è conosciuta in tutte le Marche, tanto che gli abitanti delle altre zone della regione usano burlescamente il termine pà cu l'ojo per indicare ogni abitante di Ancona.

La pizza al taglio che dal dopoguerra in poi si è diffusa dappertutto in città è l'erede dell'antica crescia, con la quale ha in comune la presenza di strutto nell'impasto. Sono numerosissimi i negozi specializzati nella preparazione di pizza al taglio che poi vendono al pezzo e non a peso. Le varianti tradizionali sono: bianca con il rosmarino, bianca alla cipolla, rossa semplice e rossa con la mozzarella. A volte lo strutto è sostituito dall'olio di oliva.

Vedi tutto
Fonte: Wikipedia
/viaggi/do/semantrix?tplt=correlate&navigation=off&hits=2&document_type=Speciale|Gallery|Scheda%20Unica&unit=km&radius=1000&st=geo&sd=asc&lat=43.5982&lon=13.5101&domains=VIAGGI-GEO;Ancona;|ARTE E CULTURA;architettura;|ARTE E CULTURA;arte;|VIAGGI-GEO;Ancona;|MAIN;Arte e Cultura-architettura;|MAIN;Arte e Cultura-altro;MAIN;Scienze-biologia;|VIAGGI-GEO;Ancona;|CUCINA;alimentazione;|INTRATTENIMENTO;botanica;|MAIN;Cucina-altro;|AMBIENTE;botanica;|AMBIENTE;alimentazione;|SCIENZE;botanica;CUCINA;gastronomia;|AMBIENTE;alimentazione;|MAIN;Cucina-altro;|VIAGGI-GEO;Ancona;|CUCINA;alimentazione;|MAIN;Cucina-gastronomia;MAIN;Viaggi-altro;SOCIETÀ;trasporti;|MAIN;Società-altro;VIAGGI-BISOGNI;Musica;|VIAGGI-BISOGNI;Isola;|VIAGGI-BISOGNI;LuogoDiCulto;|ARTE E CULTURA;architettura;|SOCIETÀ;università;|VIAGGI-BISOGNI;Biblioteca;|MAIN;Società-istruzione;|VIAGGI-BISOGNI;Aereo;|VIAGGI-BISOGNI;GalleriaDArte;|VIAGGI-BISOGNI;Museo;|VIAGGI-BISOGNI;Festival;|VIAGGI-GEO;Marche;|VIAGGI-BISOGNI;Mostra;|VIAGGI-BISOGNI;Cultura;|MAIN;Arte e Cultura-architettura;

In primo piano

/viaggi/do/semantrix?tplt=correlate&nocontentid=74f65a7d3c1c25d9cd62218587a98d9c|1511a2365f4f5871ca8447c7ee8b3c00&navigation=off&hits=2&document_type=Itinerario&unit=km&radius=1000&st=geo&sd=asc&lat=43.5982&lon=13.5101&domains=VIAGGI-GEO;Ancona;|ARTE E CULTURA;architettura;|ARTE E CULTURA;arte;|VIAGGI-GEO;Ancona;|MAIN;Arte e Cultura-architettura;|MAIN;Arte e Cultura-altro;MAIN;Scienze-biologia;|VIAGGI-GEO;Ancona;|CUCINA;alimentazione;|INTRATTENIMENTO;botanica;|MAIN;Cucina-altro;|AMBIENTE;botanica;|AMBIENTE;alimentazione;|SCIENZE;botanica;CUCINA;gastronomia;|AMBIENTE;alimentazione;|MAIN;Cucina-altro;|VIAGGI-GEO;Ancona;|CUCINA;alimentazione;|MAIN;Cucina-gastronomia;MAIN;Viaggi-altro;SOCIETÀ;trasporti;|MAIN;Società-altro;VIAGGI-BISOGNI;Musica;|VIAGGI-BISOGNI;Isola;|VIAGGI-BISOGNI;LuogoDiCulto;|ARTE E CULTURA;architettura;|SOCIETÀ;università;|VIAGGI-BISOGNI;Biblioteca;|MAIN;Società-istruzione;|VIAGGI-BISOGNI;Aereo;|VIAGGI-BISOGNI;GalleriaDArte;|VIAGGI-BISOGNI;Museo;|VIAGGI-BISOGNI;Festival;|VIAGGI-GEO;Marche;|VIAGGI-BISOGNI;Mostra;|VIAGGI-BISOGNI;Cultura;|MAIN;Arte e Cultura-architettura;

/viaggi/do/semantrix?tplt=correlate&nocontentid=74f65a7d3c1c25d9cd62218587a98d9c|1511a2365f4f5871ca8447c7ee8b3c00&navigation=off&hits=6&document_type=Speciale|Gallery|Scheda%20Unica|Crowdsourcing&unit=km&radius=1000&st=geo&sd=asc&lat=43.5982&lon=13.5101&domains=VIAGGI-GEO;Ancona;|ARTE E CULTURA;architettura;|ARTE E CULTURA;arte;|VIAGGI-GEO;Ancona;|MAIN;Arte e Cultura-architettura;|MAIN;Arte e Cultura-altro;MAIN;Scienze-biologia;|VIAGGI-GEO;Ancona;|CUCINA;alimentazione;|INTRATTENIMENTO;botanica;|MAIN;Cucina-altro;|AMBIENTE;botanica;|AMBIENTE;alimentazione;|SCIENZE;botanica;CUCINA;gastronomia;|AMBIENTE;alimentazione;|MAIN;Cucina-altro;|VIAGGI-GEO;Ancona;|CUCINA;alimentazione;|MAIN;Cucina-gastronomia;MAIN;Viaggi-altro;SOCIETÀ;trasporti;|MAIN;Società-altro;VIAGGI-BISOGNI;Musica;|VIAGGI-BISOGNI;Isola;|VIAGGI-BISOGNI;LuogoDiCulto;|ARTE E CULTURA;architettura;|SOCIETÀ;università;|VIAGGI-BISOGNI;Biblioteca;|MAIN;Società-istruzione;|VIAGGI-BISOGNI;Aereo;|VIAGGI-BISOGNI;GalleriaDArte;|VIAGGI-BISOGNI;Museo;|VIAGGI-BISOGNI;Festival;|VIAGGI-GEO;Marche;|VIAGGI-BISOGNI;Mostra;|VIAGGI-BISOGNI;Cultura;|MAIN;Arte e Cultura-architettura;